Dulà che si nass…

Roberto Tirelli

Cento e cinquanta anni fa la Bassa friulana che già aveva appartenuto alla Serenissima ed al Lombardo Veneto austriaco diventava italiana. Finora non sembra che l’anniversario abbia avuto l’attenzione che meriterebbe forse nel timore che si debba fare un bilancio ove vi sono più ombre che luci senza per questo essere per forza “austriacanti”.

In questi ultimi mesi abbiamo avuto occasione di riflettere molto sul nostro territorio a cominciare dall’aspetto istituzionale nella “tenaglia” UTI-Città metropolitana con un indubbio ridimensionamento del ruolo dei Comuni e nessun recupero di efficienza amministrativa. Abbiamo segnali di seria decadenza dovuta alla stagnazione economica ed alla crisi del lavoro, il che comporta meno risorse per tutte le attività sul territorio ed in particolare, quel che ci duole, per la cultura.

Fra un po’ trasversalmente saremo percorsi dai cantieri della terza corsia, indubbiamente utile al traffico autostradale, ma quanto, in concreto, alle nostre comunità? E la TAV che correrà senza fermarsi?

...l'articolo in PDF di può scaricare dal seguente collegamento:
Articolo pubblicato su la bassa/72 dal Presidente su Latisana e il suo Ospedale

logo Associazione la bassa

Associazione culturale "la bassa"

per lo studio della friulanità
del Latisanese e del Portogruarese

Spirito e le finalità del sodalizio sono di ordine culturale
e sono rivolte alla conoscenza, alla valorizzazione ed alla protezione di quanto
nel campo della storia, della linguistica, dell’archeologia, dell’arte,
dell’ambiente naturale ed umano, degli usi e costumi
costituisce il patrimonio delle varie identità culturali
delle zone del latisanese e del portogruarese.

L’Associazione si prefigge di operare nel campo della ricerca e dello studio,
della promozione culturale attraverso le più svariate manifestazioni,
compresa l’attività editoriale.

Compito del sodalizio è pure quello di svolgere un’azione culturale,
entro l’ambito delle proprie finalità e definizioni,
nei confronti sia delle popolazioni,
sia degli Enti pubblici, locali, nazionali, ed anche internazionali, sia civili che religiosi.